mercoledì 21 ottobre 2009

Tra Taoismo e realtà



...è inutile cercare un motivo, una singola ragione, una risposta dentro ad un’attimo vuoto, a storie finite prima di incominciare, all’impossibile che è dentro uno sguardo.
È folle anche sperare che l’infinito di un’istante si possa tramutare in un sorriso, un timido pensiero che velatamente sfiori i sentimenti... quelli più intimamente nascosti.
A volte è bello creare un’illusione, una certezza, materializzare un desiderio, rendere un sogno reale, svegliarsi con in testa una canzone, sentirsi puliti dentro, pensare di essere invincibili, godibili dal mondo intero.
Realizzare cose impossibili anche senza super poteri, essere utili a se stessi e agli altri,
senza fatica ma sopratutto senza uno scopo specifico, così semplicemente incredibili.
Il mio cuore è forte supporta il bene, sopporta il male...il mio cuore è paziente e caldo come il sole di agosto e anche nei momenti più bui riesce ad illuminare chi mi stà di fronte, chi è disposto ad ascoltare il suo lento battito.
Non vendo i miei sogni li posso solo regalare, non creo illusioni, non conosco il futuro provo a vivere il presente e piano piano respiro.
Mi piace annusare l’aria all’alba, seguire le nuvole con lo sguardo, ascoltare quello che il vento ha da dire...mi spaventa la natura umana ma credo nell’amore, in quell’amore che è dentro ogni cosa.
Si lo sò sono antico ma mi piace così.

Wilson

5 commenti:

wilson ha detto...

non credo sia una crisi di mezz'età
è che ogni tanto mi fermo e respiro.

lucegrigia ha detto...

esatto...mi fermo e respiro...solo che questo è più lungo del solito anche perchè in realtà molto è successo in questo anno nella mia vita. Si corre, si riflette...sono tornato a scrivere con la luce e meno con le parole...ogni tanto capito senza lasciare traccia, come un alito fresco di vita...

Franco Zaio ha detto...

E chissei, san Francesco? Buddha? :O) Beato te.

andrea sessarego ha detto...

Confesso che ti invidio perchè ci riesci. E poi sei molto Po.

wilson ha detto...

ciao luce che piacere, in qualsiasi forma ti sia tornato sno felice

Sono Wilson che continua a sognare...

Io sono Po, troppo simili