martedì 29 luglio 2008

Ancora un pò...


un pò pieno, un pò vuoto, un pò grasso... mai stato magro, un pò strano, un pò prevedibile, un pò serio, un pò irriverente, un pò illuso... e non c'è verso, un pò musicista, un pò suonato, un pò disoccupato... un pò sottoccupato, un pò incredulo, un pò credulone, un pò...

18 commenti:

luisa ha detto...

Che indovinello è???

wilson ha detto...

È il seguito del post precedente e può proseguire ...volendo...o no.

Cicapooh ha detto...

è così bello essere diversi...anche quando è così maledettamente complicato ;)
grazie per la visita...grazie per il commento e per il tempo che mi hai dedicato ^_*
un bacio S.

ziorina ha detto...

e un po' matto...perchè no??!!

Elsa ha detto...

non è matto...
sorrido Wilson :)

Ishtar ha detto...

Aggiungerei di tutto un pò!
Ciao

Elsa ha detto...

Wilson... sei sparito...
non mi leggi più.
Sei irato con me???
Ti aspetto

wilson ha detto...

Ci sono sempre e comunque, nel bene nel male...

lucegrigia ha detto...

un po' assente anche a me stesso caro W. Un po' con la testa fra le nuvole un po' deluso, un po' vuoto...
Un abbraccio fote
Antonello

ziorina ha detto...

Giuro che il "matto" era nel senso buono.
E poi io ho sempre adorato quelli un po' "matti"..

Andrea Sessarego ha detto...

La colonna sonora ideale per questi pò-post sarebbe uno dei pezzi più genialmente idioti della storia, cioè "Pop Muzik" degli M.

Elsa ha detto...

nel male...?

wilson ha detto...

In effetti ragiono un pò meglio con quelli un pò matti.

Come colonna sonora proporrei
I PUT A SPELL ON YOU - versione
SCREAMIN' JAY HAWKINS.

La linea di confine tra male e bene è molto...molto sottile.

Antonello "che lo sforzo sia con te"

Elsa ha detto...

quindi io non sono matta? :)))))

darkste ha detto...

"è così bello essere diversi...anche quando è così maledettamente complicato ;)"

MA CHE VUOL DIRE ?
CHI DEFINISCE LA DIVERSITA'?
CHI DEFINISCE COSA E' COMPLICATO COSA NO? (scusate)

caro wilson, tutto quello che hai scritto in questo post contraddistingue tanti di noi e tanto di te e ci sta e nn va ne' rinnengato nè non amato, anzi.

Forse sarebbe ora che iniziassimo ad amare i ns difetti senza cosiderarli diversità o errori. Sono io la prima che ci penso...e poi non lo faccio, perché, alle volte, di fronte ad altri dolori che scopro pian piano, mi rendo conto di quanto sia inutile il mio lamentarmi, il mio andare, i miei problemini del ca..o! Non sto parlando di te Wil, ovvio ma di me.

Però minchia cane.
Amarsi

Voglio imparare ad amarmi e a non giudicare nè me, nè gli altri.

un sorriso wil

wilson ha detto...

Lo sei Elsa lo sei...

ognuno a suo modo ti ama ste (dark un tempo).

ognuno di noi ama ogni altro (parlo del blog)a suo modo, personalmente... cazzo ma questo è un "blog di fatto"!
Amare è un termine che può essere, anche fastidioso per alcuni, ma ognuno di noi innegabilmente a suo modo lo fà.

...

ziorina ha detto...

Ama il prossimo come te stesso...
Io direi: ama te stesso come il tuo prossimo....

grazie degli auguri...ne ho sanz'altro bisogno. :-))

wilson ha detto...

Però i Ziorinoni... non sarebbe male