martedì 13 novembre 2007

Fuori è freddo al mattino presto...

Lasciami dormire.
Lasciami dormire ancora 5 minuti.
Sotto le coperte, al caldo, al sicuro.
Ora lasciami dormire.
Con la testa soto il cuscino
fuggo la luce in tutte le sue forme...
qui sotto si stà bene.
Acari, peli, pelle di serpente
tutto mi appartiene e non mi và di condividerlo con nessuno.
Lasciami dormire, ti prego
cosa cazzo ti costa
concedrmi ancora 5 preziosi minuti
per nuotare in questo mare di lenzuola da cambiare.
Non ricordo neppure cosa ho sognato,
no questa volta tu non c'eri
o megli c'eri ma non eri tu.
Ok mi alzo, fanculo ma tra 5 minuti.




4 commenti:

Franco Zaio ha detto...

Chi dorme non piglia pesci...tranne il suo (Giovanni Raucci)

wilson ha detto...

Un Luminare, un Poeta, un'inviadiabile dotazione...

Wilson

Filippus ha detto...

Devo rivedere le mie convizioni anch'io pensavo che “chi dorme non piglia pesci” invece...

Io stamttina mi sono svegliato, ho visto, anzi, ho sentito che pioveva, mi sono girato dall'altra parte e mi sono detto "vado in ufficio solo quando smette di piovere". Figo no?

Secondo te poi come è andata veramente?

wilson ha detto...

A) Ha smesso di piovere, un bellissimo sole e tu rassegnato , ma felice sei andato puntuale a lavorare.

B) Dear God... cantano gli XTC

C) Stai ancora dormendo, anzi sognando. Doamttina chissà...